Articoli

10
Mar 2020
sassi in equilibrio
Postato da: In: Testimonianze, Tag:, , 0 Commenti

In questo periodo di crisi determinato dal virus COVID-19 le nostre abitudini quotidiane sono saltate, ci sentiamo persi senza punti di riferimento. Passiamo il tempo attaccati ai telegiornali in attesa della bella notizia che ci liberi dicendoci che tutto è finito e si può tornare alla normalità. Invece siamo esposti a continue informazioni che ci allarmano e ci preoccupano.

Le reazioni a questo status quo sono estreme e opposte, c’è chi spinto da un sistema difensivo di negazione si comporta come se nulla fosse, esponendosi ed esponendo gli altri al rischio del contagio.

C’è di contro chi reagisce congelandosi, bloccando totalmente la propria vita, rimanendo in una sorta di limbo in attesa che tutto finisca per ricominciare. È questa una reazione altrettanto sbagliata.

Periodi prolungati di quarantena lasciano tracce emotive anche dopo. Non reagiamo quindi, ma “agiamo”, abitiamo la ragionevolezza ovvero non esponiamoci a rischi ma nello stesso tempo recuperiamo la curiosità del bello, usiamo il tempo che l’isolamento ci offre per fecondarci, leggiamo, studiamo, ricerchiamo, colleghiamoci, sfruttiamo la potenza di internet.

Non subiamo passivamente queste norme di buona salute, ma facciamo che il nostro sia un isolamento attivo, un’opportunità per ritrovarci più belli di come ci eravamo lasciati.

 

Un augurio di cuore a tutti.

Gianfrancesco Gervasoni, Psicologo e Psicoterapeuta

Allegati

  • sassi in equilibrio

I Commenti non sono disponibili